Pesarsi correttamente con la bilancia e ottenere risultati costanti

Che si cerchi di perdere peso, accrescere la propria massa muscolare o semplicemente mantenere uno stile di vita sano, la bilancia può diventare la migliore amica, ma anche la peggior nemica di una persona.

Tutti sanno che pesarsi regolarmente costituisce la chiave per ottenere una visione globale dei cambiamenti che avvengono nel nostro corpo. Gli esperti, tuttavia, affermano che esistono modi corretti e scorretti di utilizzare una bilancia.

Le regole da seguire

Una nozione che viene spesso sottovalutata consiste nel fatto che il peso del nostro corpo tende a variare piuttosto facilmente nel tempo. Non esiste maniera più semplice di perdere la propria motivazione che osservare un aumento del proprio peso corporeo quando, al contrario e a nostra insaputa, abbiamo invece bruciato dei grassi.

Imparare come e quando è meglio pesarsi è importante e, soprattutto, può creare un circolo di feedback positivo riguardo ai nostri risultati e rinnovare la nostra motivazione. Se si desidera mantenere continuità nelle proprie abitudini e pesarsi regolarmente, gli esperti consigliano di seguire delle semplici regole.
 Innanzitutto, è opportuno scegliere un orario della giornata in cui pesarsi, favorendo le prime ore della mattina.

Esso verrà mantenuto e rispettato ogni volta che vorremo verificare nuovamente il nostro peso.
 Allo stesso modo, si consiglia di salire sulla bilancia un solo giorno, lo stesso, ogni settimana. Al contrario di quanto si possa pensare, è più semplice tenere traccia dei propri progressi mantenendo una scelta di giorni e orario costante, pur effettuando la verifica una sola volta a settimana.

Anche indossare ogni volta gli stessi abiti, o non indossarne affatto, favorisce una più accurata misurazione dei propri risultati nel tempo.
Infine, come si può facilmente intuire, utilizzare la stessa bilancia elimina ogni rischio di una misurazione errata, dal momento che strumenti diversi potrebbero presentare tarature differenti o persino difetti.

Se si misura il proprio peso a casa, è opportuno posizionare la bilancia digitale su una superficie piatta e priva di irregolarità. Piastrelle asimmetriche, tappeti o moquette possono favorire una lettura non corretta.

Obiettivi e buone abitudini

Pur attenendosi a queste semplici regole, esistono alcune cause che potrebbero far variare il proprio peso, di giorno in giorno, o di settimana in settimana.
Esse, solitamente, si riferiscono a fattori come l’assunzione di cibi amidacei o particolarmente salati, cambi repentini del tempo atmosferico o ritenzione idrica, causata da modifiche ormonali.

Anche se il proprio obiettivo è costituito dalla semplice perdita di peso, è lecito domandarsi quale sia la strategia più efficace per raggiungerlo. Studi recenti hanno evidenziato come limitarsi all’esercizio fisico non risulti una strategia così efficace, come si può erroneamente pensare. Dell’attività fisica moderata, ma costante nel tempo, insieme ad un’attenta analisi della propria dieta e del consumo di calorie possono, invece, portare a risultati molto più evidenti.

Per questo motivo, tenere un diario relativo a quali cibi consumiamo quotidianamente, insieme ad uno schema che illustri chiaramente i cambiamenti del nostro peso corporeo nel tempo, è un’abitudine che senza dubbio ci aiuterà nel raggiungimento dei nostri obiettivi e nel mantenimento della giusta motivazione.

Ascoltare tutta la libreria musicale in un lettore mp3!

ascoltare musica nel lettore mp3

Siamo ormai molto lontani dal tempo in cui utilizzavamo i vecchi CD o ancora i vecchi dischi, per poter ascoltare la nostra musica; in realtà i CD sono stati la prima grande rivoluzione della musica portatile che poi grazie alla grande evoluzione della tecnologia si è spinta fino alla creazione dei più moderni lettori MP3 che oggi si presentano in due formati diversi. Design e colori per tutti i gusti, nel nuovo mercato degli mp3 hai davvero moltissima scelta, anche per lo stile più adatto del tuo nuovo lettore mp3. Andando sullo specifico, esiste quindi il modello classico, quello che ti permette di ascoltare la musica, mentre gli MP3 più tecnologici e di ultima generazione danno anche la possibilità di poter vedere testi di poter navigare in Internet oltre che poter ovviamente guardare dei video in formati diversi.

La tua scelta molto probabilmente sarà condizionata dalla tipologia di utilizzo che vuoi fare del tuo nuovo dispositivo, infatti le dimensioni variano notevolmente insieme appunto alle funzionalità; infatti oggi, puoi trovare i lettori MP3 con display molto grandi in grado di farti vedere dei veri propri film comodamente quando sei in viaggio per esempio, oppure dei modelli di dimensioni davvero molto ridotte molto funzionali che ti aiutano per esempio quando fai sport con alcuni modelli che danno anche la possibilità di essere agganciati con una fascia al braccio, assicurando vera e propria mobilità al passo di musica.

Nella tua scelta molto probabilmente ti affiderai anche ai parametri della memoria, con lettori mp3 di ultima generazione che arrivano a più di 32 gb, considera che più cerchi tecnologia più troverai prezzi alti,quindi cerca di fare i conti con quello che stai cercando, e se hai pazienza puoi aspettare i magici sconti per assicurarti il tuo mp3 preferito a meno della metà del prezzo originario
Se cerchi un mp3 classico puoi tranquillamente optare per uno con meno di 8 gb di memoria, mentre se hai già intenzione di acquistare un modello multimediale, ti conviene partire dagli 8gb in su, come minimo, perché mentre le canzoni occupano pochissimo spazio, i fili e i video, per esempio ne occupano molto di più e quindi dipende da che tipo di lettore stai cercando.

Quanto durano le batterie?

La durata della batteria ovviamente dipende dal tipo di utilizzo oltre che dal tipo di file multimediali che intendi utilizzare, e canzoni consumano meno batteria rispetto ai video per esempio, quindi mentre ascoltando solo canzoni il tuo lettore funziona in modo costante per almeno 10 ore, se lo utilizzi per file multimediali la durata della sua batteria si dimezzerà. Cerca di calcolare la batteria prima di uscire ed utilizzarlo, fai in modo di tenerlo sempre carico, per qualsiasi evenienza, fa sempre bene poter ascoltare della buona musica.

Diabete: di cosa si tratta

cosè il diabete

Il diabete è una patologia che affligge moltissime persone al giorno d’oggi, per la quale non esiste una cura, ma un metodo per tenere sotto i controlli i valori di glicemia nel sangue, cosa succede quindi al nostro corpo? Il nostro organismo per funzionare ha bisogno di energia, che in termini di sostanze nutritive del nostro corpo significa che lo zucchero che assumiamo si trasforma in glucosio, e passa attraverso il sangue, trasportando queste particelle di energia, e per fare in modo che il glucosio venga assorbito dal nostro corpo in modo corretto, nel nostro corpo l’insulina deve funzionare nel modo corretto.

Questa sostanza viene prodotta nel pancreas e nel caso del diabete la cellula non riesce ad assorbire il glucosio necessario per l’energia, che al contrario viene accumulato nel sangue, senza trasformarsi. In maniera ancora più specifica esistono due tipi di diabete: 1 e 2 e si differenziano secondo la loro incapacità di produrre insulina oppure quando il nostro corpo non riesce a trasformare tutto il glucosio in insulina, nel tipo 1 il corpo non riesce a produrre insulina, nel tipo due il glucosio non riesce a trasformarsi in energia, almeno non totalmente. Quindi si tratta di due tipologie diverse della stessa patologia, che in ogni caso può essere controllata tramite una buona dieta con alimenti per diabetici e utilizzo di farmaci adatti.

Per prima cosa, la dieta dei diabetici deve essere priva di zuccheri, o gli zuccheri devono essere introdotti sotto forma di dolcificanti, si consiglia sempre di fare del buon esercizio fisico e di monitorare i livelli di glicemia nel sangue. Non esiste una vera e propria cura per questa patologia, ma puoi fare in modo di tenere i valori glicemici sotto controllo, le terapie variano secondo le necessità del paziente, quindi si tratta di valutare con il medico una terapia fatta su misura secondo le necessità. Per quanto riguarda il diabete 1, ossia quello che non permette all’insulina di crearsi nel nostro corpo, bisognerà fare attenzione al tipo di dieta e bisognerà assumere dell’insulina, per aiutare il corpo a funzionare meglio, e solitamente il dosaggio di insulina avviene tramite iniezione da un pennino molto piccolo, che non fa male.

Mentre per la seconda tipologia, il diabete 2, il paziente non necessita iniezioni di insulina, ma avrà bisogno di una dieta molto bilanciata e di altrettanto esercizio fisico, in maniera da tenere i valori glicemici a norma, solo raramente alcuni pazienti affetti dalla tipologia 2 avranno bisogno di iniezioni di insulina. Il merito del risultato delle terapie per controllare il diabete dipenderà principalmente dal paziente, e dalla sua capacità di seguire in maniera precisa la terapia suggerita dal medico.

Come tenere il diabete sotto controllo?

Infine, per accertarsi di fare le cose nella maniera giusta, bisognerebbe cercare di seguire la dieta suggerita, perché si tratta della prima parte della terapia, si consiglia sempre molto esercizio fisico ed esami regolari per riuscire a controllare i valori glicemici. Inoltre, se dovessero presentarsi dei dubbi, rivolgersi al proprio dietologo che sarà in grado di indirizzarvi al meglio.

Il cemento non respira e noi ci ammaliamo?

cemento non respira

La ventilazione rappresenta una delle componenti più importanti nella progettazione di qualsiasi edificio, in parole povere, bisognerebbe costruisce sa togliere aria dai muri, ma mantenere livelli di traspirazione nel modo giusto, mantenendo un edificio sano. Per sano intendo che non sia soggetto a muffe o ad una cattiva ventilazione, perché il fatto che i muri respirino è normale, e dovrebbe essere così per tutte le abitazioni, ma le notizie sono ben diverse.
Dobbiamo pensare che l’inquinamento non proviene solo da fuori ma anche da dentro le nostre abitazioni, anzi ancor peggio, da una delle ultime ricerche a riguardo, risulterebbe che l’aria esterna sia molto meno inquinanti di quella interna, quindi ora la nostra priorità si sposta anche su come viviamo in casa e su come ci sentiamo al lavoro, perché una parte di come ci sentiamo potrebbe dipendere dagli ambienti interni, nelle quali spendiamo la maggioranza della nostra giornata.

Purtroppo, molti materiali utilizzati nel l’edilizia del cemento, ha moltissime sostanze che danneggiano sia le abitazioni che noi stessi. Anche la stessa pittura o gli isolanti che usiamo sono sostanze chimiche, che purtroppo fanno male quando vengono respirate per cui provocano malessere, perché purtroppo si disperdono nell’aria dei nostri ambienti interni, che non viene così facilmente smaltita come se fossimo all’aperto, quindi si tratta di un problema molto contemporaneo, dato che tutte le costruzioni moderne fanno uso di queste sostanze per costruire.

Esiste una vera e propria sindrome che colpisce le persone che vivono all’interno di edifici malati, e può causare sensazioni poco piacevoli oltre che mal di testa e disturbi di questo tipo, e si potrebbe guarire anche solo allontanandosi da quel tipo di edificio, quindi oltre che la forma e i colori che si utilizzano, ancora più importante i materiali e le sostanze che vengono utilizzati sono davvero molto dannosi e non permettono una corretta ventilazione degli edifici.

Quali sono le cause?

La causa del problema: la progettazione, considerando che un principio del tutto riguarda l’importanza di una corretta ventilazione, perché per motivi di diversa natura, molti edifici vengono costruiti già molto male, e sono predisposti a causare molti disturbi ai loro abitanti, anche molti casi di asma degli ultimi panni sono riconducibili a motivi di inquinamento interno, per cui molto importante calcolare i livelli di umidità della tua casa, e fare in modo di manette un ambiente giustamente ventilato, al fine di prevenire qualsiasi tipo di disturbo.

Prova anche ad informarti, per sapere se puoi migliorare l’isolamento e la ventilazione del tuo edificio con MATERIALI NATURALI, se stai ristrutturando cerca notizia è affidati ad esperti della bioedilizia per i tuoi lavori, cerca di contribuire anche tu ad un mondo migliore. Se ami le comodità, sappi che una casa ecologica non è una casa scomoda, per cui troverai e riuscirai ad avere la casa schermo vuoi, a impatto zero, e con un super risparmio energetico, quello che la tecnologia e la sostenibilità stanno facendo insieme si chiama FUTURO, per cui non temere, ne rimarrai sicuramente molto soddisfatto!

Tecnologia ecosostenibile: stampanti di cartone

stampanti di cartone

La creatività unità alla tecnologia può davvero far fare passi da gigante, se pensavamo di saperle tutte, quasi sicuramente ci mancava la notizia di una creazione alquanto bizzarra, che riguarda un oggetto di uso comune: la stampante. Ne esistono per i tutti i gusti e funzioni, non servono più fili per collegarle al computer, e fanno molto di più che stampare documenti, sono diventate oggetti davvero iper-funzionali, molto utili ed utilizzati negli uffici e nelle case.

Fino ad ora, non avrei mai pensato che saremmo potuti arrivare ad utilizzare il cartone come componente esterno per la costruzione di questa struttura, invece ho scoperto che anche questo è possibile, e in questo caso, ci potrebbe essere una vera rivoluzione del nostro concetto di tecnologia. Siamo abituati a idealizzare oggetti moderni fatti di ,arteria li come il carbonio, per esempio, se parlo di cartone nessuno mi prenderebbe sul serio. In realtà, questo materiale si usa per i motivi più disparati, ma non viene considerato materiale di prima scelta, diciamo, infatti lo si utilizza con imballaggi principalmente, proprio perché non interessa mai poi molto se si rovina.

Quindi, accostare l’immagine del cartone alla stampante non è poi così immediato per tutti, e anche questa volta la tecnologia arriva per abbagliarci con una trovata davvero molto creativa, oltre che assolutamente ecosostenibile. Vi sarà molto probabilmente già capitato, di vedere come viene utilizzato per il design interno delle nostre case, in chiave del tutto moderna, lo si usa per pezzi unici per le nostre case, ma un suo utilizzo in campo elettronico non si era ancora raggiunto, fino ad ora.

La stampante di cartone si presenta con una forma particolare, che ricorda gli origami giapponesi, e infatti prende proprio questo nome, ma all’interno di quello che si presenta come arte e gioco, si nasconde l’ultima tecnologia nell’ambito delle stampanti laser, il tutto coronato da un rivestimento in cartone ignifugo e impermeabile, viene anche ideato, però da due super menti della grandissima Samsung, forse uno dei colossi che oggi riesce ancora a dar testa all Apple, e in questo caso, la stampante nasce da una fusione tra occidente e oriente, grazie al l’ispirazione al mondo degli origami. Come molte invenzioni, nasce molte volte tutto per caso, solo immaginando, e questo è il caso.

Perché di cartone?

La stampante funziona normalmente, ma il cartone fa davvero il suo effetto, perché in tutto questo può essere piegati, riciclato è come ho scritto prima resiste al fuoco e all’acqua, quindi una grande rivoluzione, nel concetto visivo della tecnologia, che promette anche un prodotto molto longevo e funzionale, è molto probabilmente oggi la uni tranquillamente trovare nei rivenditori della grande azienda, perché si tratta di un’invenzione di più o meno due anni fa, che ha ricevuto enormi acclamazione quando è stata presentata al mercato per la prima volta.

Grandissima innovazione, che ancora una volta, punta a rivalutare il nostro concetto dei materiali, e invita al riutilizzo, ad evitare lo spreco inutile, e ci insegna che con un pochino di creatività unità alla tecnologia consapevole sembra davvero tutto possibile!