Il meraviglioso mondo del ciuccio

mondo del ciuccio

Ci sono diversi motivi che spingono i genitori ad utilizzare il ciuccio per i loro bimbi, uno di questi è il fatto che quando nascono hanno sempre bisogno di sentire qualcosa tra i denti, e questo deriva principalmente dall’allattamento, e se sei già mamma ti ricordi bene di come il tuo cucciolo aveva bisogno di te in continuazione, e per fare fronte a questo suo bisogno, dato che non puoi alla tarlo tutto il giorno, il ciuccio ti aiuta a farlo stare tranquillo. Esistono però pareri contrastanti su questo strumento, e da una parte ci sono i suoi sostenitori, dall’altra invece chi pensa che non fa molto bene allo sviluppo della dentatura del neonato.

Una volta che il bimbo prova il ciuccio per la prima volta, stai pur certa che appena lo avvicini alla sua boccuccia, farà segno che lo vuole.
In ogni caso, sarebbe meglio non prolungare questa abitudine al disopra dei tre anni di via del bimbo, anche perché rischi che non ne voglia più fare a meno, diventa una sorta di dipendenza. In ogni caso altro problema sembra poter essere la tipologia di ciuccio che scegli, perché in realtà sarà poi tuo figlio a decidere quale tipologia si adatta meglio alla orma della sua dentatura, e quindi non scoraggiarti se non li piace il primo che hai scelto, anche per questo motivo sarebbe meglio acquistare tutte le tipologie, sono 5 e i ciucci non costano molto, una volta che sai quale sceglie, saprai cosa comprare nel corso del suo sviluppo.

Utilizza sempre ciucci sterilizzati e puliti, quando esci con il piccolo, porta sempre un ciuccio di ricambio, perché cadono facilmente, e non puoi utilizzare un ciucco sporco, nello stesso modo non immergerlo in sostanze zuccherate perché potrebbe cariare i denti appena spuntati del tuo piccolo angioletto.

Quante tipologie sul mercato?

Esistono quindi molte tipologie, e una di queste ti potrà aiutare quando i piccolo piange, grazie al ciuccio il bimbo si tranquillizzerà istantaneamente! In commercio potrai trovare ciucci singoli o doppi, a prezzi davvero abbordabili.
Cominciamo con il ciuccio mam per la nanna, si tratta di una tipologia con anello che si illumina di notte, così da permetterti di trovare il bimbo di notte, mentre dorme accanto a te nella sua culla, senza bisogno di accendere la luce, un modello molto comodo soprattutto quando il bimbo è appena nato; continuiamo con il silicone, ottimo se il bimbo non ha ancora messo i denti, ottimo per aumentare la masticazione del piccolo, lo segue durante il suo sviluppo e variano in grandezza in base all’età del piccolo.

Infine, troverai altre forme del ciuccio come quelli a goccia, a ciliegia oppure quelli anatomici, si consiglia generalmente quelli a goccia che sembrano quelli migliori per la forma della dentatura del bimbo. In ogni caso, sarà vostro figlio a decidere quale ciuccio gli piace e lo capirete molto semplicemente, perché nel caso aveste scelto la forma sbagliata lui la sputerà, al contrario se avete scelto la forma giusta si attaccherà come nella fase di allattamento, quindi sarà molto facile identificare la tipologia giusta per tuo figlio.

Lo spazzolino elettrico che pulisce a fondo i denti

spazzolino che pulisce i denti

La scelta dello spazzolino elettrico potrebbe non essere così facile come ci si aspetta, per prima cosa, si tratta di un oggetto molto diverso rispetto allo spazzolino tradizionale, perché permette una pulizia dei denti più a fondo, grazie alle oscillazioni che compie, inoltre puoi anche cambiare la batteria oppure con batteria che può essere caricata dalla base dello spazzolino, diverso dall’idropulsore che nasce principalmente come dice la parola stessa per eliminare i residui di cibo, in modo tale da permetterti di pulire in profondità i tuoi denti.

In commercio, troverai moltissime marche di qualità che hanno creato spazzolini elettrici davvero molto funzionali, che ti assicurano una pulizia da igienista dentale, il posto migliore dove lo puoi trovare a poco prezzo è sicuramente il mondo online, se pensi di aver trovato quello adatto a te, e non sei sicuro, prima di acquistarlo puoi chiedere conferma al tuo dentista, e puoi anche chiedere di consigliarti le marche più di qualità nel caso tu non sia sicuro della tua scelta.
Se devi considerare le funzioni principali e le parti che lo costituiscono, comincia a soffermarti sulla modalità di pulizia, ossia di come utilizzare in modo efficace il tuo spazzolino elettrico, ti ci vorranno solo due minuti per riuscire a pulire a fondo i tuoi denti, e in certi modelli di spazzolini elettrici un segnale acustico che ti segnalerà quando il tempo sarà passato, in maniera tale da aiutarti a massimizzare la sua efficacia.

Infatti lo spazzolino elettrico nasce per aiutarti a migliorare la prestazione della pulizia dei denti, insieme alla velocità di esecuzione, rispetto agli spazzolini tradizionali. Se le tue gengive però non fossero abituate alla pressione esercitata dallo spazzolino, soprattutto durante i primi utilizzi, potrebbero leggermente sanguinare, per evitare questo fastidio, puoi ridimensionare la pressione che metti sui denti e potresti anche scegliere uno spazzolino che ti dia la possibilità di avvisarti quanto stai premendo troppo.

Esistono due tipologie di ricarica per gli spazzolini elettrici, e solitamente quelli con base che ricaricano, risultano molto comodi e funzionali, oltre che efficienti in termini di potenza rispetto a quelli con batterie che puoi cambiare, perché queste ultime tendono a perdere efficienza nel tempo. Se opti per un modello con base ricaricabile, assicurati di avere un posto comodo in bagno dove puoi appoggiarlo senza preoccupazioni, e cerca di scegliere un modello che puoi lavare facilmente anche sotto l’acqua.

Le oscillazioni delle testine

Infine, considera che la profondità della pulizia dei tuoi denti dipenderà molto dalla quantità di oscillazione che riesce a fare il tuo spazzolino elettrico, un maggior numero di oscillazioni significa maggior pulizia per i denti sarà, puoi anche decidere intensità e velocità delle testine, e ne troverai di forme diverse, con ricambi, perché dopo qualche tempo le dovrai cambiare.

Ci sono anche tipologie di testine designate per sbiancare i denti, molto famosa soprattutto negli ultimi tempi, nei quali si sente sempre parlare di metodi per sbiancare i denti, puoi anche optare per la scelta di una sola tipologia di testine, per poi aumentarne il numero scegliendo quelle a disposizione, con scopi specifici.

Il ferro da stiro di ultima generazione

ferro da stiro di ultima generazione

Acquistare un nuovo ferro da stiro, potrebbe non essere più così semplice, soprattutto se ne utilizzavi uno da molti anni, perché la tecnologia casalinga si è spinta così oltre da creare ferri da stiro per davvero tutte le tasche e le esigenze. Ferri da stiro con caldaia incorporata o separata, queste le due tipologie che poi hanno una serie di funzioni in comune; comincia a domandarti che tipo di ferro da stiro utilizzavi, o quale hai provato ad utilizzare, perché i due modelli sono davvero diversi, perché il ferro da stiro con caldaia separata, per esempio, è formato da 2 parti, il serbatoio o contenitore per l’acqua e il ferro da stiro, il grande pro di questi modelli consiste nella loro capacità di contenere acqua separatamente e con questa tipologia puoi tranquillamente utilizzare l’acqua del rubinetto, con il risultato di poter stirare senza doversi fermare.

Ovviamente si tratta di una tipologia abbastanza costosa, ma sicuramente dalle prestazioni eccellenti; per quanto riguarda il ferro da stiro tradizionale, è principalmente creato in maniera da poter stare in maniera agile e funzionale, pesa poco, ma contiene pochissima acqua; la tecnologia aiuta con funzioni come easy refill che ti permette di caricare il ferro senza spegnerlo, e di anti calcare o pulizia automatica, che lo manterranno come nuovo. I prezzi sono sicuramente più abbordabili rispetto ai ferri da stiro con caldaia separata, e ce ne sono davvero moltissimi modelli in commercio.

Spostandoci invece sulle componenti dei ferri da stiro, che sono le stesse per entrambe le tipologie, questi dispositivi sono formati da tre parti fondamentali: il serbatoio, la piastra, e la punta; partiamo con la punta che serve per perfezionare la stiratura, o per permetterti di stirare nei posti difficili o materiali difficili e se il ferro da stiro ha anche dei fori piccoli (più piccoli sono meglio è) sulla punta, riuscirai ad eseguire stirature ad altissima precisione. Passiamo alla piastra, fondamentale, che puoi trovare di 3 materiali diversi: teflon(poco utilizzato), alluminio e acciaio, il materiale della piastra influisce anche sul modo della piastra di riscaldarsi, per cui se stai pensando di avori ad alta precisione, meglio l’allumino che concentra il calore sulla punta, mentre il teflon e l’acciaio lo distribuiscono uniformemente, quindi in base a come vorrai utilizzare il tuo ferro farai la tua scelta.

Anche il serbatoio ha la sua parte di importanza, perché molto dipenderà dalla frequenza con la quale utilizzerai il ferro da stiro oltre che la quantità di vestiti o altre cose che devi stirare, considera che i ferri da stiro con caldaia separata hanno molto più spazio di quelli con serbatoio incluso, a meno che non sia inclusa l’opzione easy refill, per quanto riguarda i ferri da stiro con caldaia inclusa, il dispositivo NON deve essere collegato alla corrente mentre l’acqua si va a scaldare, mentre per quelli a caldaia separata si possono riempire di acqua anche mentre il ferro da stiro continua a funzionare.

I consigli UTILI

Svegli un ferro da stiro con un impugnatura sicura, che ti possa facilitare anche il movimento del ferro sui vestiti, anche la leggerezza rimane un fattore fondamentale per poter stirare, assicurando la praticità durante la stiratura; inoltre, ricorda che il getto di vapore può essere controllato da te oppure in maniera automatica.

Una vita senza macchina: autostrada in bicicletta

autostrada in bici

Gli olandesi ci insegnano moltissimo in termini di trasporto ecosostenibile, infatti se pensi all’Olanda la associ a due elementi principali: i prati fioriti e le biciclette, anche i turisti che la visitano. Molto spesso, ricorrono a questo mezzo di trasporto proprio perché sono costruite davvero molto bene, ed è più facile che andare a piedi, oltre che a permetterti di mantenerti in forma e di visitare più cose. Il popolo scandinavo ha da sempre dimostrato una grandissima consapevolezza nella grandezza della natura, sono tra i popoli più avanti di tutto il mondo, pur vivendo in condizioni climatiche non del tutto favorevoli, hanno un grande rispetto per la natura che li circonda e questo può essere facilmente intuibile dal modo in cui ha non costruito le loro abitazioni e dall’utilizzo di materiali a basso impatto ambientale.

Ci insegnano che tutto è possibile, soprattutto con l’ultima trovata, che riguarda l’utilizzo di biciclette al posto che di automobili per percorrere lunghi tragitti, mi riferisco ad autostrade per biciclette. L’idea arriva sicuramente per minimizzare l’inquinamento atmosferico prodotto dai tubi di scarico delle macchine, considerando che come in Olanda, anche nei paesi scandinavi si utilizza da sempre la bici come mezzo di trasporto, quindi rispetto alla nostra concezione di utilizzo della bici, abbiamo tutto da imparare.

La Danimarca ha così ben pensato di organizzare una autostrada che permetta ai ciclisti di percorrere più di 15 km in bicicletta, senza preoccuparsi del traffico, riuscendo ad arrivare al posto di lavoro in maniera molto tranquilla, senza stress di imbottigliamento da traffico, ma soprattutto senza inquinamento, che sarebbe una vera rivoluzione per tutti gli amanti della bici e dei trasporti ecosostenibile.

Dietro a questo progetto una grandissima pianificazione, che in realtà mira a creare una vera rete di strutture autostradali per biciclette, e si tratta di un progetto di grandissime dimensioni. Per alcune parti della strada, non sarai possibile evitare l’avvicinamento alle macchine, ma per la maggiore, i ciclisti avranno la possibilità di muoversi senza condizionamenti. La velocità e la percorribilità saranno regolata da semafori, e la velocità consigliata per mantenere un tragitto fluido, con semafori tutti verdi, sarebbe quello di 19km/h.

Come funzionerà?

Dalla progettazione dovrebbero risultare delle autostrade ciclabili dove il traffico fluisce regolarmente, senza alcun intoppo, oltre che le corsie per il traffico, ci saranno anche degli appositi spazi pedonali, in modo da permettere ai ciclisti di poter sostare ed eventualmente scambiarsi due chiacchiere. I danesi sembrano avere pensato proprio a tutto, perfino alla forma inclinata dei cestini, così da favorire un uso facilitato durante la corsa.

Per facilitare l’afflusso di ciclisti inoltre, verranno regalati dei cioccolatini a chi utilizzerà queste autostrade, e sembrerebbe che i danesi non si sono fatti attendere con la partecipazione alla prima realizzazione, infatti il numero di cittadini che sta utilizzando queste autostrade pedonali sono in continuo aumento. Questo è un esempio che l’intera popolazione mondiale dovrebbe tenere davvero in considerazione, e tutto rivolto prima di tutto a risoluzioni ecologiche, nel pieno rispetto nostro è della natura.